Dall’accordo tra Confindustria e Kyoto Club, nasce un portale per la finanza green. Un accordo che è stato raggiunto in occasione del convegno ‘La finanza per il clima opportunità per le imprese’, iniziativa rivolta alle aziende italiane attive nei settori Green Economy per promuovere la partecipazione dell’industria italiana ai fondi di cooperazione internazionali, che si è svolto oggi a Roma nella sede di Confindustria. L’iniziativa è stata promossa congiuntamente da Confindustria con il Kyoto Club, in collaborazione con il Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale, del Ministero dell’Economia e delle Finanze e del Ministero dell’Ambiente.
“Per contrastare i cambiamenti climatici dobbiamo cambiare il modello con cui si sviluppa la nostra economia: la green economy e l’economia circolare sono le sfide del nostro presente e possono rappresentare anche un modello vincente per la ripresa economica tanto attesa”, commenta Francesco Ferrante, Vicepresidente di Kyoto Club.
“Molte imprese italiane – conclude Ferrante – sono già pronte e si stanno già impegnando, innovandosi e competendo con il resto del mondo. Ora questo cambio di approccio non dev’essere vanificato ed è per questo che è necessaria una strategia politica – innanzitutto su energia e clima, ma anche più in generale sulla bioeconomia – da parte delle istituzioni e della politica, insieme a un adeguato cambio di passo anche nel sistema creditizio”.
“Per un paese manifatturiero come il nostro, con una leadership tecnologica indiscussa in alcune aree tra le quali appunto l’efficienza energetica, è fondamentale favorire la partecipazione delle nostre imprese alle gare internazionali per l’assegnazione dei fondi”, sottolinea il presidente del Comitato Industria e Ambiente di Confindustria Claudio Gemme.
Per questo come Confindustria, aggiunge, “promuoveremo un portale per supportare e ridurre le barriere informative alla partecipazione delle imprese. Gli investimenti in Rinnovabili ed Efficienza energetica nel periodo 2007-2015 ammontano a circa 50 miliardi di Euro e si stima il valore delle operazioni di finanziamento per investimenti connessi alla sostenibilità siano stati di quasi 738 miliardi di Euro. La finanza climatica – conclude Gemme – mobiliterà a livello internazionale risorse che non hanno precedenti”.