Costan, nucleo originario del Gruppo Epta, brand attivo nel settore della refrigerazione commerciale. fa dell’innovazione il suo punto di forza coniugando l’eccellenza dei prodotti ad una crescita a basso impatto ambientale.
Negli ultimi 10 anni, infatti, la spinta al rinnovamento è stata sempre più forte: sono stati stanziati in media 5 milioni di euro all’anno, per un totale di 50 milioni nel periodo dal 2007 al 2016. Una strategia volta al miglioramento continuo sia in termini ambientali, con la riduzione della carbon footprint, sia nella trasformazione dello stabilimento in una “fabbrica del futuro”, grazie all’introduzione e implementazione di macchinari all’avanguardia e linee robotizzate.

Un approccio sostenibile confermato anche dall’installazione di pannelli fotovoltaici sul tetto del sito, dall’adozione di un impianto di cogenerazione che produce energia elettrica e termica riutilizzata per alimentare i forni di verniciatura, dall’utilizzo di una centrale a biomasse e di un sistema di recupero dell’acqua piovana, che hanno reso lo stabilimento quasi completamente autonomo dal punto di vista energetico.

Infine, l’investimento più recente ha interessato la creazione dell’impianto Vetreria, iniziato a fine 2014 e inaugurato lo scorso Ottobre dall’On. Gianclaudio Bressa, Sottosegretario con delega agli Affari Regionali e le Autonomie, in occasione delle celebrazioni del 70 Anniversario di Costan. Un piano strategico da circa 10 milioni di euro che ha permesso al Gruppo di dotarsi delle tecnologie e delle competenze necessarie per realizzare fino a 250.000 vetri monolitici e vetrocamere/annui e di generare 60 nuovi posti di lavoro nel bellunese. L’apertura della Vetreria, che copre un’area di 4.800 m2 ha inoltre portato ad un ampliamento del sito, che vanta attualmente una superficie coperta totale pari a 70.000 m2.

La scelta di internalizzare le lavorazioni di taglio, molatura, sagomatura, serigrafia, tempra e assemblaggio del vetro nasce dalla volontà di Costan di perseguire una strategia sempre più green, anticipando i trend del settore della refrigerazione. Si prevede, infatti, una crescente richiesta dal mercato di soluzioni dotate di porte e coperture vetrate, per rispondere alle necessità di abbattimento dei consumi energetici, nella prospettiva di una transizione degli store verso Nearly Zero Energy Buildings (nZEB), in ottemperanza alla Direttiva 2010/31/EU. Costan, da sempre al fianco dei propri Clienti per aiutarli a raggiungere performance d’eccellenza in ambito Retail, sta arricchendo la sua già ampia gamma di banchi refrigerati chiusi, in grado di assicurare il minimo impatto ambientale e, al contempo, una presentazione accattivante degli articoli in esposizione. I mobili vetrati Costan di ultima generazione garantiscono, infatti, una diminuzione dei consumi fino al 62% rispetto ai modelli aperti con tendine notte, per un risparmio economico fino a 400 € m/anno ed una riduzione di 1237kg di CO2/anno/metro delle emissioni di CO2.
In tal senso, Costan è stata recentemente insignita del Premio Buone Pratiche per le Energie Rinnovabili e la mobilità sostenibile 2016, conferito dal Centro Nazionale per la promozione delle fonti rinnovabili di Legambiente. In dettaglio, il riconoscimento è stato assegnato a Costan, per l’impegno nel proporre innovazioni in grado di assicurare il più alto risparmio energetico, riduzione della carbon footprint e salvaguardia delle risorse e testimonia l’importanza dei costanti investimenti in Ricerca e Sviluppo sostenuti dal Gruppo Epta, volti a fornire una “total solution” ideale per realizzare un intero punto vendita green, qualsiasi siano le dimensioni dello store.